Scegliere le scarpette da arrampicata sportiva

Scritto da Martedì, 12 Giugno 2012 15:15

Le scarpette da arrampicata sportiva attualmente in commercio somigliano vagamente a delle ballerine da danza. Gran parte della superficie inferiore e sulla punta sono ricoperte da una gomma morbida capace di una notevole forza di attrito (grip).

Come si sceglie una scarpetta da arrampicata?

Per la scelta di scarpette da arrampicata suggeriamo di rivolgersi ad esperti negozianti che siano capaci di suggerirvi il modello e la taglia più adatta al vostro piede. Solitamente si sceglie una scarpetta di un paio di misure più piccola del proprio piede in modo che le falangi del piede siano raccolte insieme e leggermente piegate in avanti.
Questa posizione, che ad alcuni sembrerà scomoda o perfino dolorosa, ha una importante ragion d'essere. Infatti, quando le falangi sono piegate in avanti queste sotto il peso del corpo non si piegheranno in alto e facendo perdere aderenza al piede posato su piccole protuberanze della roccia. Il piede si comporterà come un corpo piuttosto rigido e ci consentirà di mantenere tutto il peso del corpo su un unico punto, questo significa maggiore attrito e aderenza alla roccia quindi migliore equilibrio ed appoggio.
Per coloro che cominciano ad arrampicare la scelta delle scarpette da arrampicata può essere piuttosto difficile. Per iniziare possiamo suggerire di prendere una misura non troppo stretta in maniera da non essere portati a focalizzare l'attenzione sul dolore del piede anziché sui movimenti dell'arrampicata e sull'equilibrio. Con il crescere dell'esperienza allora sarà possibile scegliere modelli di scarpette più stretti. In questo caso rinunceremo ad un po' di comodità in favore di maggiore stabilità sul piede.

Va tenuto presente che comunque alla lunga è la scarpetta ad adattarsi al vostro piede. Nella scelta ricordate che le scarpette in cuoio cedono, ovvero si allargano adattandosi al piede, più facilmente di scarpette costruite con materiali sintetici. Tutte le scarpette comunque in genere sul lungo periodo cederanno un minimo.

scarpette_arrampicataFra i modelli disponibili in commercio suggeriamo quelli con il velcro che sono più veloci da indossare infatti vedrete spesso gli arrampicatori levarsi le scarpette ogni volta scesi da una via di roccia. Questo accade perché si evita di sporcare con terra, polvere o addirittura fango la gomma che essendo piuttosto porosa rischia di perdere quella sua particolare adesività alla roccia.
La possibilità di levare e mettere le scarpette velocemente, senza dover stare ad allacciare continuamente i lacci può essere un vantaggio e una notevole comodità.

Le scarpette da arrampicata si indossano possibilmente senza calzini, consentendo una sensibilità maggiore su tutto il piede ed evitando lo spostamento indesiderato del piede all'interno della scarpetta.

In fine un suggerimento tutto personale dello scrivente. Imparate a scegliete le scarpe sulle loro caratteristiche tecniche non sulla loro bellezza o perché si intonano a quello o quell'altro capo di abbigliamento. Per arrampicare non dovete fare nessuna sfilata di moda, non state a guardare il colore o il taglio estetico. L'importante è che queste rispondano alle vostre esigenze tecniche.

Per conservare le scarpette senza rischiare di spaiarle o perderle nei vostri spostamenti lungo la falesia munitevi di un moschettone semplice non troppo grande che userete per tenerle unite attraverso la loro linguetta posteriore.

Ricordate che le scarpette che state comprando, se intendete arrampicare di frequente, non sono le ultime vostre scarpe probabilmente ne dovrete comprare altre, poi altre e altre ancora. Le scarpette sono soggette ad una usura molto rapida essendo la gomma piuttosto morbida. La suola di gomma può essere ripristinata con opportuni trattamenti. Il risuolatore può ripristinare la suola fino a 3-4 volte poi si consiglia di cambiare le scarpe.

In fine qualche considerazione sulla manutenzione. Le scarpette, come quasi tutti i materiali da arrampicata vanno tenute pulite, tuttavia è sconsigliato il lavaggio in lavatrice. Solitamente si consiglia di pulirle a mano in un lavandino con acqua fredda e poco sapone, noi vi suggeriamo di pulirle con uno straccio umido per eliminare polvere, sabbia e fango che eventualmente vi siano depositati. Meglio una scarpetta puzzolente e ma utile che una scarpetta profumata ma rovinata.
Insomma sembra che il destino degli arrampicatori sia quello di soffrire... certo è che comunque il divertimento è garantito.

Letto 8614 volte
Giorgio Carrozzini

Consulente Web, Webmaster, nella costruzione di siti web di ogni dimensione ed importanza. Per passione gestore di numerosi siti di montagna. Giorgio ama andare in montagna esplorando el numerose possibilità fuori e dentro di se... questo è il suo Blog!

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.