Fenomeni orogenetici - Breve Introduzione

Scritto da Mercoledì, 13 Giugno 2012 13:15

Come  abbiamo visto nella teoria della tettonica a placche la principale  causa della formazione delle montagne è lo scontro fra placche. Nello specifico  lo scontro fra placche sulle quali sia presente la zolla continentale lo scontro darebbe luogo alle montagne.

Secondo la teoria  della tettonica a placche possiamo per semplicità ricondurre i fenomeni orogenetici a due cause principali: da una parte  le spinte  verticali ovvero  con direzione perpendicolare alla crosta terrestre; dall’altra le spinte  tangenziali ovvero  quelle con direzione parallela alla crosta terrestre.

Tali spinte  si originano  in prossimità delle faglie fra le placche dove il movimento è originato essenzialmente dai moti convettivi del materiale fluido di cui è costituita  l’astenosfera.

In prossimità delle dorsali oceaniche avremmo la continua effusione di materiale che  avrebbe come  conseguenza una lieve ma costante attività sismica.

In prossimità dei margini continentali collisione e subduzione di litosfera danno origine ad una intensa attività sismica.

Fenomeni Orogenetici

La subduzione, infatti, provocherebbe la risalita di materiale magmatico dal mantello  verso  la litosfera con la conseguente formazione di vulcani.
Per quanto riguarda la collisone  fra le placche continentali questa provocherebbe il ripiegamento delle placche stesse ed il loro sollevamento verso  l’alto.

I tre modelli con cui solitamente si fa riferimento  per descrivere le formazione delle montagne sono:

  • Il modello dell’orogenesi di tipo Andino;
    Questo è il caso in cui la placca oceanica essendo costituita  da materiali più pesanti quali le rocce  basaltiche tende a scivolare sotto (subduzione) alla zolla continentale. Nella collisione quest’ultima  tende a comprimersi, le placca comincia  a piegarsi, il territorio si solleva  formando le montagne.
  • Il modello dell’orogenesi di tipo arco-insulare;
    Il modello è tipico delle are quali il Giappone, le Filippine in cui due placche oceaniche si scontrano, una delle due comincia  a scivolare sotto l’altra. La pressione al margine della collisione provoca la risalita di materiale magmatico dando origine alla formazione dei vulcani.
  • Il modello dell’orogenesi di tipo collisionale;
    L’ultimo modello è quello in cui due zolle continentali si scontrano. Non si ha subduzione ma un ripiegamento ed una compressione della litosfera.

I rilievi generati dai movimenti di collisione e subduzione della tettonica a placche sono  anche soggetti ad un modellamento continuo  da parte  degli agenti  climatici.

Stiamo  parlando del modellamento dovuto  all’erosione glaciale, al modellamento dovuto all’erosione dell’acqua e del vento.
Stiamo  parlando dell’azione  continuata degli agenti  climatici ed atmosferici che  incidono profondamente sulla morfologia  delle montagne, sono  agenti  erosivi che  con la loro azione di trasporto riescono a dilavare  ed erodere le rocce  come  nel caso dei fenomeni carsici in cui il passaggio dell’acqua riesce a disciogliere i carbonati di cui sono  costituite  alcune rocce.