Risultati della ricerca per: ghiaccio
Martedì, 26 Marzo 2019 00:00

Una cima a piccoli passi

Sull'ampio piazzale dedicato al parcheggio delle macchine si lascia il proprio veicolo.

Campo Staffi è una piccolissima stazione sciistica che durante l'inverno è frequentata soprattutto dagli abitanti della valle e dei dintorni. Solo un ristretto gruppo di romani continua a frequentarla.

Martedì, 26 Marzo 2019 00:00

Punta dell'Uccettù per la Valle Amara

A volte hai bisogno di appoggiarti agli amici per poter andare avanti. Ci vuole umiltà e saper chiedere aiuto ed è necessario saper ricevere l’aiuto quando questo arriva.

L’aiuto arriva all’improvviso!

Domenica, 10 Marzo 2019 00:00

Come vuoi perdere la tua partita?

Un ricordo per Daniele Nardi dolorosamente scomparso dal 24 Febbraio 2019 sulle pendici del Nanga Parbat.

Le nostre dell'Appennino sono montagnette. I rilievi sono morbidi e raramente costituiti da pareti estreme e scoscese. I versanti Nord del Corno Grande del Monte Camicia i versanti nord del Sirente sono tutti molto ripidi ma nulla di paragonabile a quello che possono essere le Alpi o le Dolomiti. L’Appennino non è minimamente paragonabile alle grandi montagne dell’Himalaya. Non stiamo parlando di cime estremamente elevate parliamo di rilievi che si aggirano prevalentemente intorno ai 2000/2500 m di quota in media.

Domenica, 03 Dicembre 2017 00:00

Arrampicata

Con il nome "arrampicata" si indica quella disciplina in cui si cerca di superare un ostacolo naturale o artificiale, che si tratti di una parete rocciosa o di una struttura urbana.

Può essere complementare all'alpinismo ma differisce da quest'ultimo per il suo scopo. Non si tratta solo di raggiungere la vetta di una montagna, ma di superare le difficoltà della scalata col miglior gesto atletico possibile.

Si distinguono le arrampicate tradizionali da quelle di carattere sportivo, in base alle attrezzature che si utilizzano ed in base al fine ultimo che lo scalatore vuol raggiungere. Nella prima situazione si vuole arrivare al superamento di se stesso, nella seconda si compete contro altri atleti e si vuol offrire la miglior performance possibile.

Diversamente da quanto avviene nelle arrampicate tradizionali, che comunque restano le più diffuse, in quelle sportive si utilizzano ancoraggi fissi per migliorare lo stato di sicurezza dell'atleta.

Una seconda classificazione di arrampicate può esser fatta tenendo conto dei vari ambienti in cui essa può avvenire. Possono esserci arrampicate su ghiaccio, roccia o su territorio misto.

Esistono poi altre tipologie di arrampicata:

  • Free climbing, dove chi si arrampica utilizza il suo corpo come unico sostegno durante la salita. Non si tratta tuttavia di uno stile in cui ci si priva totalmente dell'assicurazione;
  • Bouldering o sassismo, uno stile in cui si scalano massi di pochi metri d'altezza ed è quindi abbastanza sicuro;
  • Free solo, una tipologia di arrampicata assai pericolosa perché lo scalatore mette a rischio la propria vita senza utilizzare alcuna attrezzatura di supporto;
  • Arrampicata artificiale, molto più sicura della precedente. Chi la pratica usa attrezzi come spit, chiodi e staffe per la propria incolumità;
  • Arrampicata indoor che si pratica in strutture apposite con appigli artificiali in resina e strumenti di altro genere.

In conclusione si tratta di una disciplina che richiede un'ottima preparazione atletica, visto che in alcuni casi si tratta di sport estremo.

Nei giorni scorsi sono comparsi su Facebook alcuni commenti scritti da più o meno note firme della montagna riguardo ai graffiti comparsi sul Gran Sasso ad opera di un sedicente gruppo di escursionisti. L'indignazione è unanime. Su facebook la gogna mediatica è immediata e una valanga di commenti, insulti ed improperi si sono riversati sul gruppo escursionistico. In alcuni casi gli insulti sono andati anche oltre ogni misura e questo non da certo una bella immagine degli uomini di montagna...

Mercoledì, 04 Febbraio 2015 11:05

E venne il freddo...

Domenica 25 Gennaio 2015

Prima era un inverno caldo, ancora troppo caldo. Giocava, questo inverno caldo a farsi beffa della nostra smania di montagna.
Rideva sotto i suoi baffi rossi, rideva di noi, del nostro bisogno di freddo. Così l'inverno andava in giro vestito ancora delle vecchie foglie sdrucide dell'autunno come fosse un barbone confuso. Poi, dopo aver atteso a lungo, all'improvviso... eccolo, l'inverno, vestito di tutto punto nel suo grande mantello bianco, gelido... pronto a impietrirci con il suo sguardo di ghiaccio.

Mercoledì, 23 Aprile 2014 14:37

Alpinisti del Lambrusco

Se gli Alpinisti del Lambrusco possono apparire come un club sui generis, vagante tra il dolce Appennino e un paese qual è Formigine, proprio il borgo della “zingaraia” ha in realtà una nascosta tradizione alpinistica.

Lunedì, 16 Dicembre 2013 13:45

Sul filo dell'improvvisazione...

Ecco, recuperato lo spirito d'un tempo. Metti le ali ai piedi e cominci a volare... dico si... volare... perché camminare sarebbe una parola troppo banale per descrivere quello che riesci a fare quando sei in forma...

Mercoledì, 21 Agosto 2013 03:52

La Voie Bonatti (DVD)

E' la storia di due alpinisti francesi (Cristophe Dumarest e Yann Borgnet) che decidono di concatenare alcune vie aperte da Walter Bonatti  sul Monte Bianco. E' un modo per celebrarlo, per rendergli merito, per riconoscegli la panternità della nuova generazioen di alpinisti.

Pagina 1 di 8