slideshow_inverno_001
slideshow_inverno_002
slideshow_inverno_003

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa sui Cookie

I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell’erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle finalità di installazione dei Cookie potrebbero, inoltre, necessitare del consenso dell'Utente.

Cookie tecnici e di statistica aggregata

I Cookie tecnici hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al funzionamento di questo spazio online. I Cookie tecnici utilizzati dal Titolare possono essere suddivisi nelle seguenti sottocategorie:
Cookie di navigazione, per mezzo dei quali si possono salvare le preferenze di navigazione ed ottimizzare l’esperienza di navigazione dell’Utente;
Cookie così detti “analytics”, per mezzo dei quali si acquisiscono informazioni statistiche in merito alle modalità di navigazione degli Utenti. Tali informazioni sono trattate in forma aggregata ed anonima;
Cookie di funzionalità, anche di terze parti, utilizzati per attivare specifiche funzionalità di questo spazio online e necessari ad erogare il servizio o migliorarlo.
Tali Cookie non necessitano del preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.

Altre tipologie di Cookie o strumenti terzi che potrebbero farne utilizzo

Alcuni dei servizi elencati di seguito potrebbero non richiedere il consenso dell'Utente o potrebbero essere gestiti direttamente dal titolare – a seconda di quanto descritto – senza l'ausilio di terzi.
Qualora fra gli strumenti indicati in seguito fossero presenti servizi gestiti da terzi, questi potrebbero – in aggiunta a quanto specificato ed anche all’insaputa del Titolare – compiere attività di tracciamento dell’Utente. Per informazioni dettagliate in merito, si consiglia di consultare le privacy policy dei servizi elencati.

  • Commento dei contenuti
  • Interazione con social network e piattaforme esterne
  • Pubblicità
  • Remarketing e Behavioral Targeting
  • Statistica

Widget

Questo servizio permette di effettuare interazioni con questo spazio online direttamente dalle piattaforme esterne su cui è installato. L’installazione del servizio potrebbe comportare l’ulteriore installazione di strumenti di Google Analytics con IP anonimizzato. Per ulteriori informazioni in merito a Google Analytics si rinvia all’apposita sezione del presente documento.

Utilizzo da parte di minori

Gli Utenti dichiarano di essere maggiorenni secondo la legislazione loro applicabile. I minorenni possono utilizzare questo spazio online solo con l’assistenza di un genitore o di un tutore.

Come posso controllare l'installazione di Cookie?

In aggiunta a quanto indicato in questo documento, l'Utente può gestire le preferenze relative ai Cookie direttamente all'interno del proprio browser ed impedire – ad esempio – che terze parti possano installarne. Tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i Cookie installati in passato, incluso il Cookie in cui venga eventualmente salvato il consenso all'installazione di Cookie da parte di questo sito. È importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe essere compromesso. Puoi trovare informazioni su come gestire i Cookie nel tuo browser ai seguenti indirizzi: Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari and Microsoft Windows Explorer.
In caso di servizi erogati da terze parti, l'Utente può inoltre esercitare il proprio diritto ad opporsi al tracciamento informandosi tramite la privacy policy della terza parte, tramite il link di Opt-Out se esplicitamente fornito o contattando direttamente la stessa.
Fermo restando quanto precede, il Titolare informa che l’Utente può avvalersi di Your Online Choices. Attraverso tale servizio è possibile gestire le preferenze di tracciamento della maggior parte degli strumenti pubblicitari. Il Titolare, pertanto, consiglia agli Utenti di utilizzare tale risorsa in aggiunta alle informazioni fornite dal presente documento.

Titolare del Trattamento dei Dati

Carrozzini Giorgio

P.IVA 11280041002 - C.F. CRRGRG72L05H501C
Via Umberto Giordano, 70 – 00124 Roma - Tel. 06.50.91.42.91

Dal momento che l'installazione di Cookie e di altri sistemi di tracciamento operata da terze parti tramite i servizi utilizzati all'interno di questo spazio online non può essere tecnicamente controllata dal Titolare, ogni riferimento specifico a Cookie e sistemi di tracciamento installati da terze parti è da considerarsi indicativo. Per ottenere informazioni complete, consulta la privacy policy degli eventuali servizi terzi elencati in questo documento.
Vista l'oggettiva complessità legata all'identificazione delle tecnologie basate sui Cookie ed alla loro integrazione molto stretta con il funzionamento del web, l'Utente è invitato a contattare il Titolare qualora volesse ricevere qualunque approfondimento relativo all'utilizzo dei Cookie stessi e ad eventuali utilizzi degli stessi – ad esempio ad opera di terzi – effettuati tramite questo sito.
Il presente documento si riferisce a tutti gli spazi online (siti, piattaforme, strumenti internet, etc) di proprietà del Titolare. Per ottenere ulteriori informazioni in merito agli strumenti relativi ad uno specifico spazio, l’Utente è pregato di contattare il Titolare ai riferimenti forniti nel presente documento.

Ultima modifica: 30 Maggio 2015

Lunedì, 28 Maggio 2012 19:27

Monte Brancastello da Vado di Corno

Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)

La catena del Gran Sasso, il Pian Grande, Campo Imperatore; mi ricordo ancora Patrick quando diceva che erano gli unici veri monti del centro Italia e che se cominciavi a frequentarle si impossessavano di te e ti richiamavano fortemente ogni volta che pensavi alla montagna.
Mi ricordo anche come avevo reagito, un po’ stizzito, ad un affermazione così totalitaria e quasi snobistica delle tante bellezze naturali di questa regione.
Oggi però devo ammettere che una parte di verità c’è.
Il Corno Grande, Pizzo Cefalone, il Camicia, il Monte Aquila e il pian Grande sono oggi panorami familiari e anche un po’ ossessivi. Ossessione così come era diventato il Brancastello; all’interno del gruppo del Gran Sasso è una modesta cima di 2384 metri, facile da raggiungere. Dal monte Aquila con la sua crestina lunga e a tratti affilata che arriva a sporgersi sulle asperità quasi lunari del Prena mi aveva colpito per l’eleganza del lungo percorso, quasi tutto in cresta, ed era diventato una sorta di desiderio ossessivo.
Tanto che oggi, a quindici giorni dalla salita al Monte Aquila abbiamo calpestato la sua vetta. Una bella giornata di Novembre; le previsioni meteo promettono bene così che io e Giorgio non ci facciamo mancare l’occasione.
La solita piacevole alba vissuta in autostrada, tra le aspettative della giornata e l’impegno per combattere il sonno e alle 8 siamo già al parcheggio sul curvone della strada per Campo Imperatore, prospiciente l’attacco di Vado di Corno.
Della neve presente quindici giorni prima non c’è traccia e questo, insieme alla magnifica giornata di sole che si preannuncia ci fa desistere dal portarci dietro ramponi, piccozza e quant’altro necessiti per terreni invernali; si rivelerà una incauta decisione.
Alle 8,25 siamo già a Vado di Corno, dove sua maestà il Corno Grande ti lascia stupito di ammirazione sempre come fosse la prima volta che la vedi. Lì comincia il Sentiero del Centenario che attraversa tutta la catena fino a Fonte Vetica ed il primo tratto dello stesso ci porterà sulla vetta del Brancastello. Con un dislivello graduale e morbido raggiungiamo ben presto la crestina che tanto mi aveva intrigato solo due settimane prima. Quando il percorso si fa un po’ esposto verso il versante teramano, il paesaggio assume quel denominatore comune a tutta la dorsale; il versante est ha pareti strapiombanti verso le sottostanti colline abruzzesi , mentre il versante ovest ha dislivelli graduali più o meno accentuati ma senza salti vertiginosi.
E lì, dove la cresta si manifesta con quei salti nel vuoto ci concediamo la prima sosta, quasi a voler sconfiggere quei timori ancestrali di quei confini sospesi nel vuoto. Lasciamo andare gli sguardi verso il lontano confine del mare, cerchiamo di appropriarci di ogni emozione potente che la natura riesce a regalarti in quei frangenti, cerchiamo di immortalare e catturare quelle immagini dentro le nostre macchine fotografiche coscienti comunque che mai nulla potrà farti rivivere quel momento con la stessa intensità. Non saremmo mai sazi di tanta vastità, delle linee orizzontali dei confini estremi dell’orizzonte che contrastano con la verticalità della parete del Corno Grande , delle colorate geometrie delle colline tramane che tanto vale rimettersi gli zaini in spalla e ripuntare gli sguardi verso la vetta.
Al di là della verticalità del versante est, il sentiero non è mai particolarmente esposto e difficile; si dimostra solo insospettatamente lungo e mano a mano che si sale, nei tratti in ombra verso est ancora coperto di un leggero strato di neve. Dal Pian Grande nulla lasciava presagire questa fastidiosa presenza, ma la temperatura in quei versanti all’ombra non ha permesso ancora alla neve di sciolgliere la propria consistenza. Sotto il primo velo di neve c’è del ghiaccio, le roccette sono coperte di un velo ghiacciato e ci troviamo ben presto in difficoltà. A tratti siamo costretti a procedere con estrema cautela, lentamente, consci del pericolo di improvvise scivolate.
Rimpiangiamo l’attrezzature lasciata in macchina , imprechiamo contro la nostra leggerezza. Una lezione che la montagna ha voluto impartire alla nostra inesperienza. E promettiamo a noi stessi di fare tesoro di questa lezione. Comunque, scegliendo bene il percorso, risalendo a tratti la cresta verso posizioni assolate a costo di notevoli allunghi di percorso riusciamo a cavarci dagli impicci e alle 10,35 siamo in vetta.
Il panorama è meraviglioso come solo le vette di questa catena possono regalarti. Ad Ovest il Pian Grande è una presenza costante e vasta, sembra una piatta tavolozza; a Nord, la mole verticale del Corno Grande calamita l’attenzione e i sogni, ad est il tenue azzurro confonde la presenza del mare col cielo e sotto, molto sotto le colline sono degli arabeschi geometrici che testimoniano l’operosità dell’uomo. Ma dalla vetta del Brancastello ciò che ti colpisce e ti rimane dentro è la vista del Monte Prena. Un susseguirsi di asperità, guglie e creste affilate, un tormento di roccia che sembra inaccessibile. E il fascino di queste montagna è immediato e potente.
Eravamo appena giunti in vetta del Brancastello, si trattava della conquista , in fondo, di questa montagna, ma già il cuore e la testa erano là, su quelle pareti tormentate. Gli orizzonti si erano già allargati, l’ossessione di partenza rimaneva, aveva solo cambiato nome. Sostiamo in vetta per rifocillarci ma la nostra attenzione è calamitata dal Prena, cerchiamo di scrutare le sue pareti per cercare di capirne i segreti ma niente , ci rimane solo la sensazione della ruvida parete dalle sembianze inaccessibili. Eppure sappiamo che si passa! Dopo una sosta ristoratrice decidiamo di continuare in cresta e di avvicinarci al Prena, così, tanto per curiosare da più vicino. La tentazione di provarci è grande, ma un po’ il tempo che scorre inesorabile, un po’ la mancanza assoluta della necessaria attrezzatura ci tengono ancorati alla realtà. Per 40 minuti continuiamo in cresta, la sagoma del Prena si fa più delineata , ma i sui sentieri sono e rimangono nascosti. E’ uno spettacolo affascinante, una tentazione. Lì, sulla sella tra il Brancastello e il Prena ci promettiamo di raggiungere quella vetta quanto prima.
Ma dense e scure nubi si addensano dal versante laziale non promettendo nulla di buono; l’ora avanzata e la minaccia di temporali ci spingono a desistere dal curiosare ancora. Riprendiamo la via del ritorno. Saranno 2 ore e mezza di piacevole discesa dominata dalla cattedratica e incombente presenza del paretone del Corno grande , in cui ci rilassiamo in amichevoli chiacchierate che solo la montagna ti permette. Il cuore è leggero e lo spirito vola. Alle 14 siamo già in auto. Rimiriamo dalla valle l’intero sentiero percorso consapevoli che il prossimo appuntamento con la nuova ossessione che è lì , provocatoria davanti a noi, avverrà per forza il prossimo anno a primavera inoltrata. Riflettiamo sulla bellezza del posto e su quanto sia solitaria pur rimanendo a sole 2 ore di auto da Roma. A giorni sarà ricoperto di neve e diverrà inaccessibile ai più. E il Prena dovrà attendere la lontana prossima primavera; questo è il pensiero dominante che ci accompagna mentre percorriamo i primi tornati del ritorno.
E un’altra bella giornata di montagna si stava concludendo che aveva già partorito il suo figlio legittimo; il Monte Prena.
La catena del Gran Sasso.
Un monumento della natura.
Un’amore ormai radicato nel cuore e nella mente.

Informazioni aggiuntive

Letto 5391 volte Ultima modifica il Lunedì, 28 Maggio 2012 19:43
Giorgio Carrozzini

Consulente Web, Webmaster, esperto in siti web per odontoiatri. Per passione gestore di numerosi siti di montagna. Giorgio ama andare in montagna esplorando el numerose possibilità fuori e dentro di se... questo è il suo Blog!

http://plus.google.com/106984534904409006161

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Devi effettuare il login per inviare commenti

Iscrizione Newsletters