slideshow_inverno_001
slideshow_inverno_002
slideshow_inverno_003

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa sui Cookie

I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell’erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle finalità di installazione dei Cookie potrebbero, inoltre, necessitare del consenso dell'Utente.

Cookie tecnici e di statistica aggregata

I Cookie tecnici hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al funzionamento di questo spazio online. I Cookie tecnici utilizzati dal Titolare possono essere suddivisi nelle seguenti sottocategorie:
Cookie di navigazione, per mezzo dei quali si possono salvare le preferenze di navigazione ed ottimizzare l’esperienza di navigazione dell’Utente;
Cookie così detti “analytics”, per mezzo dei quali si acquisiscono informazioni statistiche in merito alle modalità di navigazione degli Utenti. Tali informazioni sono trattate in forma aggregata ed anonima;
Cookie di funzionalità, anche di terze parti, utilizzati per attivare specifiche funzionalità di questo spazio online e necessari ad erogare il servizio o migliorarlo.
Tali Cookie non necessitano del preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.

Altre tipologie di Cookie o strumenti terzi che potrebbero farne utilizzo

Alcuni dei servizi elencati di seguito potrebbero non richiedere il consenso dell'Utente o potrebbero essere gestiti direttamente dal titolare – a seconda di quanto descritto – senza l'ausilio di terzi.
Qualora fra gli strumenti indicati in seguito fossero presenti servizi gestiti da terzi, questi potrebbero – in aggiunta a quanto specificato ed anche all’insaputa del Titolare – compiere attività di tracciamento dell’Utente. Per informazioni dettagliate in merito, si consiglia di consultare le privacy policy dei servizi elencati.

  • Commento dei contenuti
  • Interazione con social network e piattaforme esterne
  • Pubblicità
  • Remarketing e Behavioral Targeting
  • Statistica

Widget

Questo servizio permette di effettuare interazioni con questo spazio online direttamente dalle piattaforme esterne su cui è installato. L’installazione del servizio potrebbe comportare l’ulteriore installazione di strumenti di Google Analytics con IP anonimizzato. Per ulteriori informazioni in merito a Google Analytics si rinvia all’apposita sezione del presente documento.

Utilizzo da parte di minori

Gli Utenti dichiarano di essere maggiorenni secondo la legislazione loro applicabile. I minorenni possono utilizzare questo spazio online solo con l’assistenza di un genitore o di un tutore.

Come posso controllare l'installazione di Cookie?

In aggiunta a quanto indicato in questo documento, l'Utente può gestire le preferenze relative ai Cookie direttamente all'interno del proprio browser ed impedire – ad esempio – che terze parti possano installarne. Tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i Cookie installati in passato, incluso il Cookie in cui venga eventualmente salvato il consenso all'installazione di Cookie da parte di questo sito. È importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe essere compromesso. Puoi trovare informazioni su come gestire i Cookie nel tuo browser ai seguenti indirizzi: Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari and Microsoft Windows Explorer.
In caso di servizi erogati da terze parti, l'Utente può inoltre esercitare il proprio diritto ad opporsi al tracciamento informandosi tramite la privacy policy della terza parte, tramite il link di Opt-Out se esplicitamente fornito o contattando direttamente la stessa.
Fermo restando quanto precede, il Titolare informa che l’Utente può avvalersi di Your Online Choices. Attraverso tale servizio è possibile gestire le preferenze di tracciamento della maggior parte degli strumenti pubblicitari. Il Titolare, pertanto, consiglia agli Utenti di utilizzare tale risorsa in aggiunta alle informazioni fornite dal presente documento.

Titolare del Trattamento dei Dati

Carrozzini Giorgio

P.IVA 11280041002 - C.F. CRRGRG72L05H501C
Via Umberto Giordano, 70 – 00124 Roma - Tel. 06.50.91.42.91

Dal momento che l'installazione di Cookie e di altri sistemi di tracciamento operata da terze parti tramite i servizi utilizzati all'interno di questo spazio online non può essere tecnicamente controllata dal Titolare, ogni riferimento specifico a Cookie e sistemi di tracciamento installati da terze parti è da considerarsi indicativo. Per ottenere informazioni complete, consulta la privacy policy degli eventuali servizi terzi elencati in questo documento.
Vista l'oggettiva complessità legata all'identificazione delle tecnologie basate sui Cookie ed alla loro integrazione molto stretta con il funzionamento del web, l'Utente è invitato a contattare il Titolare qualora volesse ricevere qualunque approfondimento relativo all'utilizzo dei Cookie stessi e ad eventuali utilizzi degli stessi – ad esempio ad opera di terzi – effettuati tramite questo sito.
Il presente documento si riferisce a tutti gli spazi online (siti, piattaforme, strumenti internet, etc) di proprietà del Titolare. Per ottenere ulteriori informazioni in merito agli strumenti relativi ad uno specifico spazio, l’Utente è pregato di contattare il Titolare ai riferimenti forniti nel presente documento.

Ultima modifica: 30 Maggio 2015

Venerdì, 25 Aprile 2008 12:54

Monte Amaro per la Rava della Giumenta Bianca

Scritto da 
Vota questo articolo
(1 Vota)
Cosa spinge un uomo sulla montagna? Cosa spinge un essere umano ad infliggersi sudore, fatica e tensione solo per raggiungere la cima di un arido mucchio di rocce inospitali?
Da quando ho iniziato a praticare alpinismo ho potuto provare sensazioni di una straordinaria intensità. Ma la cosa più straordinaria è quello che succede nella testa di un uomo quando si trova in un ambiente estremo come la montagna invernale. Durante una scalata accadono infinite cose e sono tutte estremamente rivelatrici. In gran parte salire su una montagna è come ripercorrere l'intera esistenza. Come non accade in altri momenti della vita quotidiana si riesce a trovare lo spazio mentale per fare dei bilanci, è il momento della riflessione serena e dell'approfondimento spirituale.
E così è stato per me questa volta...
I miei primi due tentativi al Monte Amaro, fra sbagli ed avvicinamenti poco assennati, sono stati i più grossi fallimenti del mio curriculum alpinistico. Le dimensioni del massiccio mi hanno sempre fatto considerare il versante occidentale come il “mio” Nanga Parbat dell'Appennino.
Di fronte alla morte si ferma tutto. Si ferma la nostra avidità, si ferma l'odio, si ferma il desiderio, si ferma qualunque stupida vanità umana... Di fronte alla morte si ferma il treno della vita come si ferma un uomo in vetta ad una montagna.
Ho accompagnato mio nonno René in vetta a questa montagna così difficile da raggiungere, tenendolo per mano fino a quando lui non ha avuto, finalmente, la forza di volare via oltre la vetta.
Dedico a lui questa cima così impegnativa.
Per me questa montagna è sta una riflessione importante: se la morte è così terribile ai nostri occhi allora tanto vale impegnarsi a dare valore alle cose buone e alle cose belle della vita. Quello che mi viene da chiedermi è, come mai allora, a fronte di questa consapevolezza non riesco ad essere più saggio e continuando invece a coltivare i miei lati caratteriali più oscuri, i miei atteggiamenti peggiori?
Sono partito da Roma alle 3:45, sulle strade non c'era nessuno, solo la solitudine ed i miei pensieri.
La sensazione è forte, l'oscurità della notte incute un certo timore ed un profondo stato di intima riflessione. Dopo circa 3 ore di viaggio sono arrivato ai piedi della Maiella. Sono le 6.30 in prossimità di un piccolo spiazzo sotto gli alberi lascio la macchina. Siamo vicino a Fonte Fredda un fontanile a 1260 metri di quota circa. Da qui mi attendono circa 1500 metri di salita.
Si attraversano i pratoni sottostanti il Monte Amaro puntando in direzione della Rava della Giumenta Bianca. La rava è ben visibile, una luna lingua di neve ghiacciata si estende fino ai detriti trasportati dalle valanghe. Il bosco in prossimità della rava presenta alberi tutti piegati dal passaggio delle numerose valanghe.
Per raggiungere questa vetta decido che voglio essere costante, regolare, sistematico, decido di fermarmi ogni ora circa, ogni 300 metri di quota guadagnata. Già a quota 1500 metri comincio ad avere un certo fiatone, mi fermo solo per bere un po' d'acqua ma sono abbastanza in forma e procedo regolare fino alla lingua di neve ghiacciata. Mi muovo lungo il margine destro della lingua di ghiaccio tentando di guadagnare quota più in fretta possibile. A quota 1800 finalmente decido di indossare i ramponi. La neve è così ghiacciata che non ho neppure bisogno di utilizzare le ghette, non ce n'è bisogno.
Ad ogni sosta mi bevo acqua e mangio qualche pezzo di cioccolata. Il passo è regolare, così regolare che cado in uno stato di trans meditativo. Mi sento bene e non cambierei questa fatica non nessun intrattenimento mondano di nessun genere.
A quota 2300 metri la rava presenta una gobba ed alcune roccette dove mi fermo per decidere quale strada scegliere, da qui infatti è possibile scegliere diverse strade: a sinistra e al centro due canalini stretti e ripidi sono dominati da bassi torrioni di roccia. A destra la via normale che raggiunge un ampio balcone che affaccia sul vallone di Femmina Morta. E' da qui che decido di salire.
Dal balcone l'ultimo strappo fino in vetta lo faccio in compagnia di Fabrizio un esperto scialpinista che viene da Modena. Lui ha dormito in macchina e questa mattina presto si è messo in marcia per godersi la scalata alle prime luci della mattina.
Arriviamo in vetta con un gruppo di tre giovani persone che sono salite per la Rava della Vespa.
Il vento tira fortissimo ed è difficile solo rimanere in piedi. Poche velocissime foto di rito e ci rifugiamo subito nel bivacco Pelino. Fuori si sente il vento ma dentro al bivacco siamo al caldo e ci possiamo riposare comodamente per recuperare le forze.
Il ritorno e veloce, velocissimo e mi sento felice come un bambino. Soprattutto sono felice di aver riacquistato la voglia di avventura, la voglia di orari improponibili, di montagne sterminate. Sono felice di aver riacquistato quell'intimo legame con la montagna che mi riconduce sempre a riscoprire i miei lati umani.

Informazioni aggiuntive

Letto 3424 volte Ultima modifica il Venerdì, 25 Maggio 2012 16:34
Giorgio Carrozzini

Consulente Web, Webmaster, esperto in siti web per odontoiatri. Per passione gestore di numerosi siti di montagna. Giorgio ama andare in montagna esplorando el numerose possibilità fuori e dentro di se... questo è il suo Blog!

http://plus.google.com/106984534904409006161

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Video

{}
{/}
Devi effettuare il login per inviare commenti

Iscrizione Newsletters