slideshow_inverno_001
slideshow_inverno_002
slideshow_inverno_003

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Informativa estesa sui Cookie

I Cookie sono costituiti da porzioni di codice installate all'interno del browser che assistono il Titolare nell’erogazione del servizio in base alle finalità descritte. Alcune delle finalità di installazione dei Cookie potrebbero, inoltre, necessitare del consenso dell'Utente.

Cookie tecnici e di statistica aggregata

I Cookie tecnici hanno la funzione di permettere lo svolgimento di attività strettamente legate al funzionamento di questo spazio online. I Cookie tecnici utilizzati dal Titolare possono essere suddivisi nelle seguenti sottocategorie:
Cookie di navigazione, per mezzo dei quali si possono salvare le preferenze di navigazione ed ottimizzare l’esperienza di navigazione dell’Utente;
Cookie così detti “analytics”, per mezzo dei quali si acquisiscono informazioni statistiche in merito alle modalità di navigazione degli Utenti. Tali informazioni sono trattate in forma aggregata ed anonima;
Cookie di funzionalità, anche di terze parti, utilizzati per attivare specifiche funzionalità di questo spazio online e necessari ad erogare il servizio o migliorarlo.
Tali Cookie non necessitano del preventivo consenso dell’Utente per essere installati ed utilizzati.

Altre tipologie di Cookie o strumenti terzi che potrebbero farne utilizzo

Alcuni dei servizi elencati di seguito potrebbero non richiedere il consenso dell'Utente o potrebbero essere gestiti direttamente dal titolare – a seconda di quanto descritto – senza l'ausilio di terzi.
Qualora fra gli strumenti indicati in seguito fossero presenti servizi gestiti da terzi, questi potrebbero – in aggiunta a quanto specificato ed anche all’insaputa del Titolare – compiere attività di tracciamento dell’Utente. Per informazioni dettagliate in merito, si consiglia di consultare le privacy policy dei servizi elencati.

  • Commento dei contenuti
  • Interazione con social network e piattaforme esterne
  • Pubblicità
  • Remarketing e Behavioral Targeting
  • Statistica

Widget

Questo servizio permette di effettuare interazioni con questo spazio online direttamente dalle piattaforme esterne su cui è installato. L’installazione del servizio potrebbe comportare l’ulteriore installazione di strumenti di Google Analytics con IP anonimizzato. Per ulteriori informazioni in merito a Google Analytics si rinvia all’apposita sezione del presente documento.

Utilizzo da parte di minori

Gli Utenti dichiarano di essere maggiorenni secondo la legislazione loro applicabile. I minorenni possono utilizzare questo spazio online solo con l’assistenza di un genitore o di un tutore.

Come posso controllare l'installazione di Cookie?

In aggiunta a quanto indicato in questo documento, l'Utente può gestire le preferenze relative ai Cookie direttamente all'interno del proprio browser ed impedire – ad esempio – che terze parti possano installarne. Tramite le preferenze del browser è inoltre possibile eliminare i Cookie installati in passato, incluso il Cookie in cui venga eventualmente salvato il consenso all'installazione di Cookie da parte di questo sito. È importante notare che disabilitando tutti i Cookie, il funzionamento di questo sito potrebbe essere compromesso. Puoi trovare informazioni su come gestire i Cookie nel tuo browser ai seguenti indirizzi: Google Chrome, Mozilla Firefox, Apple Safari and Microsoft Windows Explorer.
In caso di servizi erogati da terze parti, l'Utente può inoltre esercitare il proprio diritto ad opporsi al tracciamento informandosi tramite la privacy policy della terza parte, tramite il link di Opt-Out se esplicitamente fornito o contattando direttamente la stessa.
Fermo restando quanto precede, il Titolare informa che l’Utente può avvalersi di Your Online Choices. Attraverso tale servizio è possibile gestire le preferenze di tracciamento della maggior parte degli strumenti pubblicitari. Il Titolare, pertanto, consiglia agli Utenti di utilizzare tale risorsa in aggiunta alle informazioni fornite dal presente documento.

Titolare del Trattamento dei Dati

Carrozzini Giorgio

P.IVA 11280041002 - C.F. CRRGRG72L05H501C
Via Umberto Giordano, 70 – 00124 Roma - Tel. 06.50.91.42.91

Dal momento che l'installazione di Cookie e di altri sistemi di tracciamento operata da terze parti tramite i servizi utilizzati all'interno di questo spazio online non può essere tecnicamente controllata dal Titolare, ogni riferimento specifico a Cookie e sistemi di tracciamento installati da terze parti è da considerarsi indicativo. Per ottenere informazioni complete, consulta la privacy policy degli eventuali servizi terzi elencati in questo documento.
Vista l'oggettiva complessità legata all'identificazione delle tecnologie basate sui Cookie ed alla loro integrazione molto stretta con il funzionamento del web, l'Utente è invitato a contattare il Titolare qualora volesse ricevere qualunque approfondimento relativo all'utilizzo dei Cookie stessi e ad eventuali utilizzi degli stessi – ad esempio ad opera di terzi – effettuati tramite questo sito.
Il presente documento si riferisce a tutti gli spazi online (siti, piattaforme, strumenti internet, etc) di proprietà del Titolare. Per ottenere ulteriori informazioni in merito agli strumenti relativi ad uno specifico spazio, l’Utente è pregato di contattare il Titolare ai riferimenti forniti nel presente documento.

Ultima modifica: 30 Maggio 2015

×

Attenzione

JUser: :_load: non è stato possibile caricare l'utente con ID: 62

Domenica, 09 Ottobre 2011 20:20

Balzo della Chiesa

Scritto da 
Vota questo articolo
(6 Voti)

Sabato, 8 Ottobre 2011

La normativa del Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise impone agli escursionisti di visitare il parco rimanendo strettamente all'interno della rete dei sentieri autorizzati ovvero quelli che sono presenti e noti sulle carte del Parco stesso. Non è consentito in alcun modo allontanarsi da tali sentieri e per conseguenza sulle cime presenti all'interno dell'Area di Riserva Integrale del Parco.

Per salire su una cima dell'Area di Riserva Integrale del Parco è necessario chiede una autorizzazione speciale all'Ente Parco motivando pienamente la richiesta. Il direttivo del Club 2000m ha lavorato strenuamente per recensire le cime sopra i 2000 metri dell'intero appennino. Un lavoro costato un fitto scambio di comunicazioni, scambi continui di email per concordare i principi che definiscono “cima” una certa porzione di montagna. Si giunge ad un elenco che nel 2010 è stato  finalmente certificato dalla Società Geografica Italiana con la quale il Club 2000m riesce a valorizzare il lavoro di ricerca svolto sulle carte geografiche e direttamente sul territorio. Per verificare l'altitudine di una singola cima sono mobilitati numerosi gruppi escursionistici che in modo del tutto volontario impegnano le loro forze in spedizioni di intere giornate sui sentieri dell'Appennino.

La curiosità di conoscere le cime all'interno dell'Area di Riserva integrale non poteva che essere soddisfatta con la collaborazione dell'Ente Parco e dell'impegno costante del Club 2000m. Dopo aver fatto richiesta formale per salire alla cima del “Balzo della Chiesa” finalmente l'Ente Parco comanda due uomini per accompagnare un gruppo di non più di 20 persone lungo un percorso prestabilito.

L'entusiasmo è alle stelle. Tutti coloro che in passato si sono impegnati attivamente per il Club  2000m affinché si potessero raggiungere obiettivi come questo sono entusiasti della grande opportunità offerta dal parco.

In questo articolo non si parlerà di percorso, non abbiamo preparato alcuna scheda tecnica, il percorso non è aperto tutti i giorni a tutti gli escursionisti e forse questo è un bene e così vorremmo che rimanesse la cosa. A prescindere dal risultato di essere riusciti a salire sulla cima del Balzo della Chiesa in questo articolo coglierò l'occasione di parlare di alcune persone che hanno creato e portato avanti questa bellissima giornata.

L'appuntamento è alle nove del mattino alla sbarra che delimita l'entrata dell'area turistica della Camosciara. Si lasciano alcune auto al piazzale del bar proseguiremo guidati dall'auto dei Guardia Parco fino al piazzale asfaltato dai quali partono i sentieri per l'esplorazione del parco.

Credo che gli associati di tutti i club, di tutti i gruppi escursionistici, e comunque tutti coloro che si professano amanti della natura, della wilderness della montagna dovrebbero imparare a chiamare le vette con il loro vero nome. Non si tratta di cime “vietate” si deve parlare inceve di cime “protette”. E' solo una questione di punti di vista. Ma siamo così aggressivi, fagocitiamo il territorio a tal punto da non renderci più conto della devastazione che stiamo portando ovunque. E ci stizziamo come bambinelli arrabiati se ci tolgono qualche giocattolo dalle mani.

Parlavano di opportunità offerta dal Parco. Camminando all'interno dell'immenso anfiteatro roccioso della Camosciara scopro come questa escursione sia stata  non solo dell'occasione di salire su una cima “protetta” ma di imparare a guardare la natura circostante con gli occhi di chi quella natura ha scelto di viverla e proteggerla.

La Camosciara è un esempio di eccellenza del lavoro di protezione dell'ambiente da parte del Parco Nazionale d'Abruzzo Lazio e Molise, ho potuto sperimentare quanto importante sia proteggere tutto questo, quanto valore ci sia dietro ad alcuni divieti.

Sono consapevole che quanto sto per dichiarare troverò molti disaccordi ma è solo una questione di scelte...

Se in passato mi ero predisposto salire anche sulle cime vietate infrangendo il divieto, disposto perfino a pagare un sanzione di cinquanta euro, Oggi mi rendo conto che questa mia vanità di collezionare cime è solo un futile castello di sabbia se paragonato all'importanza di proteggere questa natura. Ancora più importante da ora in poi non divulgare il malcostume di raccontare “quanto si è stati bravi ad infrangere una norma così importante”. Abbiamo trovato su molti siti e su youtube racconti e video di coloro che si fanno belli d'esser stati bravi ad infrangere le norme del Parco. Questo è il solito, tipico, grottesco caso all'Italiana nel quale siamo tutti bravi a lamentarci che le cose vanno male ma quando si tratta di fare un sacrificio di rinuncia o d'impegno netto siamo i primi a trovare le sorciatoie per infrangere i divieti.

Per quanto mi riguarda il caso è chiuso, scelgo di non salire sulle cime protette del parco. Non estendo le invadenti necessità del mio ego la dove per ragioni ben superiori oggi più di sempre è prioritario proteggere la natura (oltre che i propri principi).

L'escursione oltre che un'occasione per vedere l'irripetibile spettacolo della Camosciara è stato un meravigliosa opportunità per conoscere più a fondo qualche vecchia conoscenza, per gettare uno sguardo indiscreto nel cuore di nuovi amici...

Giuseppe Albrizio

Da tempo ha già completato la raccolta di cime avrebbe potuto tranquillamente evitare di tornare sulle stesse cime. Ma lui è il Presidente del Club 2000m e nessuno più di lui è entusiasta del risultato ottenuto dal gruppo di lavoro. Quando Giuseppe ti saluta è raggiante, ha un sorriso che gli illumina il viso sembra già pienamente appagato del fatto che tutto il gruppo si è presentato all'appuntamento. L'età gli ha levato qualche capello dalla testa ma col cervello ci sta tutto e quando parla dice delle cose sensate, quelle cose sulle quali è difficile sentirsi in disaccordo. Impara veloce... Lui, che informatico non è, quando lo aiutai a costruirsi il suo sito “La Mie Passeggiate” (http://www.lemiepasseggiate.it) ci volle davvero poco a spiegargli come doveva utilizzarlo. In poche telefonate, qualche spiegazione arruffata inviata per mail, Giuseppe riuscì a utilizzare a pieno tutte le potenzialità del sito e di internet. Il suo sito oggi è uno dei meglio posizionati per ricerche specifiche sulle cime dell'Appennino.

Alberto (Il Guardia Parco)

Alberto si dispone a chiudere il gruppo escursionistico, controlla chi è più lento e chi ha qualche difficoltà nei passaggi più difficili. Il percorso che hanno scelto i Guardia Parco è più unico che raro. La vegetazione ha ripopolato il bosco, i sentieri ormai “proibiti” e mai frequentati, stanno scomparendo. Ancora qua e la i segni dell'antropizzazione sono visibili.
Alberto ha una passione che la vedi sgorgare dai suoi occhi. Camminando ci fa notare un'antica carbonaia. Alberto non lesina spiegazioni è la prima volta che qualcuno mi racconta frammenti della storia del Parco. Sono piccole osservazioni che ti fanno cambiare il modo di guardare al Parco. Quando usciamo dal bosco tira fuori il suo cannocchiale per cercare qualche animale. Poi riparte avendo un occhio di riguardo a noi che arranchiamo sul sentiero. Sono più di vent'anni che lavora nel Parco e da tre è Guardia Parco. Ne ha viste di tutti colori, come quella volta che si stava approssimando ad una caverna e un Orso (probabilmente una femmina) è uscita... béh, non restava che ritirarsi, poi ride... perché questa è certamente una delle tante avventure che popolano i suoi ricordi. Ma ride anche con noi, del nostro entusiasmo di essere li in quel momento. Eppure non ne avrebbe motivo, questo per lui è solo lavoro. Invece no! Ride perché Alberto questo lavoro lo ama davvero. Sono gli uomini come lui che fanno la differenza, dedicano una vita intera ad una missione, senza uomini come lui, come Mario il parco non potrebbe esistere.

Mario (Il Guardia Parco)

Mario è un gigante tra i giganti. Ci conduce con una leggerezza e una semplicità tra salti di roccia, passaggi intricati, canalini e sentierini, si muove su e giù per la Camosciara, come se nulla fosse. E' la sua casa, lo chiamiamo "passo felpato", il suo ritmo è costante ed inesorabile e noi dietro a lui contenti di essere guidati da una tempra così intensa... Sarà un guardiaparco, certamente, ma per noi escursionisti è come uno di noi. La montagna ce l'ha nel sangue.
Un profondo grazie a lui da parte di tutti.

Claudio Carusi

Non ultimo e non meno importante: a lui va un particolare ringraziamento, ha dedicato del tempo per organizzare questa giornata, ha intrattenuto la corrispondenza con l'Ente Parco, ha predisposto e coordinato orario e luogo degli appuntamenti. Claudio ha la capacità discreta del leader, la sua presenza è discreta, spiritosa, divertita e divertente. Siamo al bar del Parco seduti intorno ad un grande tavolo di legno, ridiamo a crepapelle per le battute che ci lanciamo l'un l'altro. Claudio già pensa al prossimo appuntamento sociale. Senza di lui tutto questo sarebbe stato più difficile se non impossibile.

Un grazie particolare ai ragazzi del Gruppo ZIS che sono stati pazientemente ad ascoltarmi (che sono un logorroico maniacale) e ai Cavalieri della Polvere con i quali ho avuto il piacere di camminare e ridere che hanno dato un contributo di estrema positività e legerezza alla giornata.

Balzo della Chiesa

La “Camosciara” è caratterizzata, alle quote più basse, da un fitto bosco di faggi altissimi alcuni dei quali sembrano raggiungere gli oltre venticinque metri. Anche i cuori più insensibili rimangono colpiti dalla magnificenza delle loro dimensioni per non parlare poi della varietà dei colori che può regalare l'autunno. Nella parte più alta della montagna incontriamo meravigliosi esemplari di Pino Nero, autoctono di questo anfiteatro roccioso, li vediamo in alcuni punti sono abbarbicati sulla roccia a testimonianza della vegetazione antica che popola questi luoghi. Ancora più in alto, uscendo dal bosco il versante settentrionale della montagna è profondamente eroso da profondi canaloni i quali sovrastati da alte torri rocciose spiccano ancora più profondi. Pur avendo visitato numerose montagne devo ammettere che Camosciara sembra essere un caso decisamente unico in tutto l'appennino per tipologia e abbondanza di vegetazione.
Intorno alla quota 2000 metri troviamo una fittissima popolazione di Pino Mugo. Tanto raro quanto fastidioso ci ostacola il cammino, ci facciamo spazio quasi nuotando fra i rami, il suo odore forte ci impregna i vestiti, ci impiastra le mani di resina lasciandoci anche qualche graffio. E' un amore e odio per il Pino Mugo ma le montagne non sarebbero le stesse senza.
In vetta il panorama ci lascia mozzafiato: unico, variegato, pieno si prospettive nuove. Aiutato da una cielo terso e secco, il sole non troppo alto sull'orizzonte proietta l'ombra della montagna nelle profondità della valle. Solo qualche nuvola popola un cielo creando un perfetto gioco di contrasti e profondità di campo. Il rito sulla cima è sempre il solito, le foto di gruppo e le foto al panorama.
La cima, segnalata da un piccolo omino di pietre (quota 2073 m), è il giusto mix di rocce, mughi ed erbe; una cima che nel suo aspetto può davvero sembrare una cima ideale.


Informazioni aggiuntive

Letto 4887 volte Ultima modifica il Sabato, 02 Giugno 2012 07:46
Giorgio Carrozzini

Consulente Web, Webmaster, esperto in siti web per odontoiatri. Per passione gestore di numerosi siti di montagna. Giorgio ama andare in montagna esplorando el numerose possibilità fuori e dentro di se... questo è il suo Blog!

http://plus.google.com/106984534904409006161

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

3 commenti

  • Link al commento Giorgio Carrozzini Lunedì, 17 Ottobre 2011 07:06 inviato da Giorgio Carrozzini

    Sono due i soggetti sul quale si è voluto parlare dei commenti precendenti e sui quali argomenti non tornerò più.
    Il primo argomento riguarda il fatto che il direttivo del Club 2000m non ha potuto estendere l'escursione a tutti. Cosa significa? Ebbene a dispetto di quello che voi possiate pensare la colpa (se di colpe vogliamo parlare) ha i contorni assolutamente sfumati. Prima di tutto il parco aveva posto un limite di non più di 20 persone (che comunque a mio parere sono anche troppe). Significava 1 guida ogni 10 persone.
    Premetto inoltre che il criterio di scelta (di quelli che avete chiamato eletti) non lo conosco quindi invece di commentare così malignamente il mio racconto dovreste chiamare o scrivere al Club 2000m e chiedere loro i motivi delle loro scelte.

    Vi dico quanto mi concerne: io al Club 2000m ho fatto il sito a titolo gratuito ovvero mi sono impegnato a realizzare uno strumento che unisse tutti gli appassionati collezzionisti non aspettandomi alcun ritorno. Credo che da un certo punto di vista mi sono meritato di essere fra i primi a poter entrare nel parco nel momento un cui il Club 2000m mi ha coinvolto nella spedizione. Come dicevo in altre occasioni in merito alla polemica che si sta sollevando sull'argomento che lo sforzo del Club 2000m è stato messo in atto per aprire un dialogo con il PNALM che fino a qualche tempo fa era stato restio ad accompagnare chiunque sia e che aveva mantenuto una linea dura verso gli escursionisti.
    Con questo nostro sforzo gli operatori del parco e la direzione sta cominciando a capire
    quanto sia importante portare gli escursionisti su queste cime e su questi sentieri poco frequentati.
    Ovviamente questo è uno sforzo gigantesco che sta tentando di cambiare un pensiero radicato da decenni e che comunque deve trovare il giusto compromesso per aprire moderatamente agli escursionisti più smaliziati come siamo noi e mantener la protezione sul parco.

    In fine mi è stato spiegato che lo sforzo di Club 2000m si ripeterà per altre occasioni e per altre montagne e non saranno sempre gli stessi a salire.

    Vi faccio presente che io sul Balzo della Chiesa non c'ero mai stato ma che qualcuno che c'era già stato (seppur di straforo) ha deciso di venire togliendo un posto a chi avrebbe avuto il piacere di salirvi almeno una volta. IL mea culpa andrebbe cominciato in quei gruppi escursionistici che non sempre hanno il mantello senza macchia...

    Altro discorso: la protezione del parco. Di fatto i parchi esistono così come esistono i limiti di velocità sulle strade o tutte le altre "limitazioni" di una società in cui la mia libertà finisce dove inizia quella degli altri. Io non vengo a rubare a casa vostra solo perché questa è una "mia opinione" ma perché credo che la regola "non rubare" abbia una finalità utile per tutti. Io non rubo a te, tu non rubi a me e questo è un accordo convenzionale che ci da un minimo di garanzia di rispetto reciproco.
    Ci muoviamo (anche nella vita) fra i limiti posti dalla convivenza civile la dove nel corso della storia abbiamo scelto di avvalerci di regole (se non addirittura di impegni morali) perché credevamo che queste potessero avere (e di massimo lo hanno) una qualche utilità pratica.

    Non è più solo una questione di sensibilità nei confronti della natura. Noi siamo tenuti al rispetto delle regole sempre e comunque o almeno fintanto che non attraverso un dibattito non si dimostri razionalmente (provateci) che i parchi non servono a niente.

    Ho lasciato un gruppo escursionistico ragionando nel seguente modo: siccome probabilmente sono in "minoranza" e quindi sono probabilmente nel "torto" allora evito di creare ulteriore tensione. Ho scelto quindi di rinunciare ad affermare i miei principi in favore della serenità dei molti. Tuttavia non potendo farne a meno di quei principi ai quali credo me ne sono rimasto nella mia solitudine (di Stile Alpino) per non essere criticato ogni volta che facevo una scelta di principio. Mi sorge spontanea una domanda: perché invece di sentirmi fare delle domande spinte dalla curiosità per avvicinarsi alla "verità" devo essere sempre aggredito da domande in tono polemico?

    Ed inoltre perché non siamo in grado (e qui mi ci metto pure io dentro) di sospendere il "giudizio"?

  • Link al commento Marco Venerdì, 14 Ottobre 2011 21:17 inviato da Marco

    La penso esattamente come Max, sono rimasto molto deluso da questa "escursione d'élite". Tanto che qualche giorno fa ho chiesto pubblicamente spiegazioni sul forum del Club2000m ma non ho ancora ricevuto una risposta...
    http://www.club2000m.it/index.php?option=com_kunena&Itemid=2&func=view&catid=3&id=49#49

  • Link al commento Max Venerdì, 14 Ottobre 2011 15:34 inviato da Max

    Questa volta sarò critico. Il club2000m ha l'obiettivo di stimolare gli escursionisti che frequentano le montagne dell’Appennino a conoscerle sempre meglio e ad esplorare anche quelle meno note, ad individuare nuovi percorsi, e a condividere con altri amici appassionati la bellezza di luoghi, le vie di salita e gli itinerari individuati.
    Ma questa condivisione, dove è finita ? Come mai non è stata pubblicata nel programma delle gite di Ottobre ? ma solo a posteriori ! Su quale base si è decisa la scelta dei partecipanti ? Poi ritengo che l'abbraccio sia un tuo pensiero personale in quanto sul web sono pubblicate escursioni sul Balzo della Chiesa, in solitaria e senza guardia Parco . Vedi : 1) http://www.lemiepasseggiate.it/index.php?option=com_content&view=article&id=118:cima-est-del-passo-cavuto-monte-capraro-balzo-della-chiesa&catid=30:parco-nazionale-abruzzo-lazio-molise&Itemid=10
    2) http://cavalieridellapolvere.blogspot.com/2010/11/balzo-della-chiesa-e-anticima-nord.html

    Sono stato abbastanza critico ?

    Max

Devi effettuare il login per inviare commenti

Iscrizione Newsletters