Escursione al Ferroio di Scanno da Passo Godi

Scritto da Sabato, 15 Settembre 2012 11:22

Premessa: Passeggiata non troppo lunga e molto piacevole, interessante ripeterla sia durante l'inverno che durante l'estate. Il Ferroio di Scanno è un passo dove troviamo apposta una lapide commemorativa del passaggio del Papa Giovanni Paolo II.  Il Ferroio di Scanno, inoltre, è uno dei più spettacolari e suggestivi affacci sul lontano monte Monte Petroso.

Caratteristiche del tracciato:  Percorso prevalentemente su strada sterrata sempre molto ampia e piacevolmente panoramica. Segnaletica presente. Non ci sono grandi possibilità di smarrire il percorso.

Informazioni aggiuntive

  • Come Arrivare: Da Scanno o da Villetta Barrea si deve salire a Passo Godi. Per coloro che arrivano da Scanno si raggiunge la località di Bocca Pantano dove ad una curva è presente segnaletica turistica e parte la strada sterrata del percorso. Per coloro che salgono da Villetta Barrea si deve salire a Passo Godi superando la località degli Alberghi e del Rifugio “Lo Scoiattolo” fino alla prima curva a gomito dove si diparte la sterrata.
  • Descrizione Percorso:

    La sterrata da prima sale fino ad un bivio poco evidente si prende la strada sulla sinistra. Superata un'ampia sella il panorama si apre sulla Cima di Capra Morta una piramide verdeggiante, sulla nostra destra, la valle del Tasso. Per ampie curve e svolte si mantiene mediamente la linea di livello della montagna fino a scendere verso lo Stazzo dello Zio Mas che durante l'estate è utilizzato dagli allevatori di pecore della zone.
    In prossimità dello Zio Mas la sterrata tende a salire, troviamo la cartellonistica che indica l'anello dei “Monti della Corte”. Al bivio successivo che scende verso la valle del Tasso si mantiene la sinistra seguendo la linea morbida della montagna fino al terzo bivio. Qui ancora una volta manteniamo la sinistra scontornando un basso e roccioso colle sul suo versante meridionale. Dopo l'ultimo piccolo sforzo su tracce di sentiero si giunge finalmente in vista della sella dove è posta la lapide commemorativa del passaggio del Papa Giovanni Paolo II. Davanti a noi il panorama del Monte Petroso in lontananza è chiuso fra il monte marsicano sulla destra e il Monte Godi sulla nostra sinistra. Il ritorno per la stessa via.

  • Varianti e Alternative:

    Un'alternativa è quella di salire direttamente da questo punto fino alla cima del Monte Godi seguendo la linea di cresta che si diparte dal Ferroio di Scanno. Subito arrivati in prossimità dei pianori di quota si piega verso Nord dapprima riscendendo per qualche metro e poi risalendo fino alla cima.

  • Tipo di Percorso: Escursionistico
  • Tipo di Tracciato: Antata e Ritorno
  • Difficoltà: E- = Escursionisti -
  • Note su Impegno e Difficoltà: Percorso graduale che si svolge su strada sterrata mai ambigua e tracce si sentiero in prossimità del Ferroio di Scanno. Percorso adatto ai bambini in assenza di neve. Più impegnativo con copertura nevosa molle.
  • Adatto ai Bambini: Fascia 8-10 anni
  • Tempo Totale Escursione (ore e minuti): 4.00
  • Lunghezza (Chilometri): 9,2
  • Dislivello Lineare: 280
  • Dislivello Totale Percorso (metri): 280
  • Cime o Quote Raggiunte: -
  • Luoghi Particolari: Stazzo dello Zio Mas e Ferroio di Scanno come balcone panoramico sui Monti Marsicani
  • Centri Visita e Strutture Ricettive: Rifugio Lo Scoiattolo a Passo Godi
  • Condizioni della Segnaletica: Segnaletica Bianco Rossa sulla sterrata già chiarissima sia con neve che senza.
  • Bibliografia: A piedi in Abruzzo - Stefano Ardio - Edizioni Guide Iter
  • Previsioni Meteo della Zona:
  • Mappa del Percorso:
    Visualizza Escursione al Ferroio di Scanno da Passo Godi in una mappa di dimensioni maggiori
Letto 8025 volte
Giorgio Carrozzini

Consulente Web, Webmaster, nella costruzione di siti web di ogni dimensione ed importanza. Per passione gestore di numerosi siti di montagna. Giorgio ama andare in montagna esplorando el numerose possibilità fuori e dentro di se... questo è il suo Blog!

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.