Monti Sibillini

Meravigliosi, verdeggianti, incredibili, variegati, sterminati, romantici Monti Sibillini. Uno dei gruppi montuosi più belli del centro Italia, adatti perfettamente vocati per l'escursionismo. Ideali per dolci camminate per famiglie con bambini coma per lunghi trekking. Cosa di meglio si può chiedere alle montagne?

Premessa: Cima obbligatoria per i collezionisti del Club 2000m il Monte Acuto è davvero poco interessante (anche il più basso 2000 dei Sibillini) esteticamente anonimo in se stesso, tuttavia presenta un panorama davvero mozzafiato sulle valli sottostanti: la Valle del Fargno (che conduce a Bolognola) e la valle dell'Ambro.

Caratteristiche del tracciato: Sentiero breve e perfettamente segnato dalla traccia degli escursionisti. Prima di giungere in cima un breve passaggino in cui è necessario utilizzare manie piedi.

Premessa: Si tratta di un percorso non troppo impegnativo, soprattutto la salita essendo graduale consente di distribuire equamente i quasi 600 metri di dislivello su 4 chilometri di lunghezza dell'itinerario. E' un percorso adatto anche agli adolescenti e complessivamente di grande soddisfazione panoramica. La salita al Monte Porche può essere associata ad altre cime come la Sibilla o la vicina Cima di Palazzo Borghese.

Caratteristiche del tracciato: Percorso che si svolge quasi interamente su sterrata e tracce di sentiero. Senza particolari difficoltà è un percorso accessibile a bambini dai 9 anni in su e adolescenti. In inverno la sterrata innevata può essere lunga, noiosa e faticosa per il troppo innevamento.

Premessa: Cime non facili da raggiungere in inverno diventano escursione per bambini di enorme soddisfazione e divertimento in assenza di coertura nevosa. La conquista del Pizzo Tre Vescovi partendo dal Rifugio del Fargno è un itinerario facile e alla portata di tutti. Solitamente questo percorso è associabile ad altre cime come Pizzo Berro o Monte Acuto può però facilmente concludersi, durante i mesi di apertura estiva con un pranzo al Rifugio del Fargno.

Caratteristiche del tracciato:  Le tracce di sentiero sono nitide e precise nessuna possibilità di perdersi giungono fino in vetta. La croce di vetta è visibile già dalla partenza. Solo un  punto esposto sul sentiero all'altezza di un canalino di scolo delle acque.

Premessa: Un percorso insolito ed alternativo che può dare grandi emozioni, ripetibile in estate come a fine inverno. Il canalone dei Mezzi Litri è una classica dello scialpinismo ma in presenza di neve e inaccessibilità del passo di Forca di Presta è una valida alternativa ramponi-e-picozza per salire alle cime del Monte Vettore, Cima del Lago e Punta di Prato Pulito.

Caratteristiche del tracciato: Non ci sono segni di sentiero, nessun bollino segnaletico ne un tracciato definito, quello che possiamo consigliare in questa scheda tecnica di percorso è un percorso di massima che si svolge in un ambiente non troppo ampio. Bellissimo il panorama sui vicini mo Monti della Laga.

Premessa: Una traversata non troppo lunga adatta al periodo estate-autunnale. Sicuramente adatto anche alle traversate scialpinistiche. Panorami eccellenti. Si tratta di un percorso di cresta che va a toccare un gran numero di cime supra i duemila metri e che si svolge ad una quota media di 1800 metri circa.

Caratteristiche del tracciato: La sentieristica è presente nella maggior parte del percorso, nessuna difficoltà tecnica sono un po' di resistenza e la disponibilità di due automobili per effettuare la traversata in sola andata.

Premessa: L'itinerario che conduce in vetta al Monte Vettore è un classico dell'appennino. Un vetta di oltre 2400 metri che si eleva davanti al Mare Adriatico visibile nei giorni di aria tersa. Il panorama è eccelso e gia dal promontorio del Vettoretto è possibile osservare l'alba sul mare Adriatico. Montagna affascinante e varia nell'aspetto e nell'itinerario.

Caratteristiche del tracciato: Il sentiero è molto (anche troppo) marcato non presenta particolari difficoltà, solo un passaggio di un paio di metri in cui i meno esperti sono portati ad usare mani e piedi. Nei prati sono presenti le vipere Orsini per cui sono fortemente consigliati calzettoni pesanti e pantaloni lunghi.