Anello Escursionistico Monte San Franco (2132 m)

Scritto da Venerdì, 01 Novembre 2013 13:41

Premessa: Un anello escursionistico di ampio respiro, con passeggiata nel ricco bosco del Monte San Franco e lungo la sua ampia dorsale che regala un bellissimo panorama sul Lago di Capotosto. Escursione più adatta nei mesi di giugno, luglio con il risveglio della primavera piuttosto che nei mesi autunnali.

Caratteristiche del tracciato:  Il percorso unisce i Sentieri CAI 112 e 111 con facilità. Tuttavia qualche problema lo da il sentiero 112 che nel suo tratto iniziale è poco segnato e si rischia di smarrirsi nel bosco.

Informazioni aggiuntive

  • Come Arrivare: Da Roma si percorre l'autostrada A24 fino al casello L'Aquila Ovest per prendere la SS 80 che conduce prima a Arischia (triste e maltenuto paese Aquilano) e dopo al Passso delle Capannelle. Poco dopo il Passo delle Capannelle, scendendo in direzione di Campotosto si giunge (1,4 km) ad una casa cantoniera diruta e senza porta. Qui un ampio spiazzo c'è il Ponte della Lama e una sterrata che conduce alla Miniera Rossa.
  • Descrizione Percorso:

    Si posteggia l'auto un prossimità della sterrata dove si individua la cartellonistica con indicazione (Pnte della Lama). Si segue la sterrata fino al primo bivio, si gira a gomito in una sterrata più piccola tenendo la miniera alle proprie spalle. Da qui altre due curve a gomito. Alla terza curva a gomito, ampio spazio di rocce rosse si vede la casetta e il profilo della cresta che sale al San Franco.
    Qui si abbandona la sterrata per scendere di una 20 di metri in direzione dei alcuni alberi.
    Attenzione questo è il punto più critico è necessario evitare la sterrata per trovare il sentiero che passa poco sotto.
    Il sentiero muovendosi fuori dal bosco per quasi 1,5 km poi comincia a salire all'interno del bosco. Nel bosco ritroviamo una sterrata che ci condurrà quasi fino al Rifugio Panepucci. Superiamo prima uno e poi due radure (meravigliose) che offrono una vista sul Coppo del Monte San Franco. Sempre in controluce ma intuibile l'aspetto molto interessante.
    Usciti dal bosco subito incontriamo il Rifugio Panepucci qui possiamo continuare per la via normale (esageratamente segnalata con bolli rossi e bianchi a distanza di 20 metri l'uno dall'altro.
    La via normale si muove verso Sud Ovest fino all'ampia sella con il Monte Ienca. Qui facile trovare i cavalli al pascolo. Curviamo verso Sud Est seguendo l'intuibile posizione della Vetta del San Franco. Questo ultimo tratto è davvero massacrante anche dal punto di vista psicologico. Si è camminato per quasi 7 chilometri e manca ancora 1, 5 km circa. La vetta non è quasi mai in vista, superata una gobba ne troviamo un'altra e poi un'altra ancora, sembra di non arrivare mai e questo non aiuta a dare fondo alle ultime forze residue nelle gambe. Dopo alcune rocce affioranti dal prato  e doline di quota finalmente la vetta con il suo Cippo Coninario e la croce incurvata.
    Un sosta in vetta, per il ritorno è sufficiente seguire la linea di cresta fino alla sella  dove ci si ferma in prossimità di un gruppo di albero. Si trova la sterrata e si torna alla macchina in zona Ponte della Lama.

  • Varianti e Alternative:

    Nessuna variante. Forse è possibile salire direttamente dal Rifugio Panepucci in vetta al Monte San Franco lungo la linea di cresta alberata. Ma questo non siamo ancora in grado di provarlo. Sembra una via interessante ma difficoltosa per la presenza di fitto bosco.

  • Tipo di Percorso: Escursionistico
  • Tipo di Tracciato: Anello
  • Difficoltà: EE+ = Escursionisti Esperti +
  • Note su Impegno e Difficoltà: Il percorso è interessante soprattutto per il suo carattere ad anello, il passaggio nel bosco è certamente interessante nei mesi primaverili. Il versante infatti, durante l'autunno, rimane molto al buio e non è possibile godere delle luci e delle rifrazioni luminose che hanno altri versanti boscosi. Meraviglioso il panorama sulle vette del Corvo, Intermesoli e Corno Grande. Interessante, in fine, il percorso ai fini dell'addestramento all'orientamento. Carta Geografica necessaria.
  • Adatto ai Bambini: Non Adatto ai Bambini
  • Tempo Totale Escursione (ore e minuti): 6
  • Lunghezza (Chilometri): 14
  • Dislivello Lineare: 970
  • Dislivello Totale Percorso (metri): 970
  • Cime o Quote Raggiunte: Monte San Franco (2132m) e Cresta di Rotigliano.
  • Luoghi Particolari:

    Madonna della Zecca incastonata nella roccia vicino ad alcune cavità nella roccia.

  • Centri Visita e Strutture Ricettive:

    Rifugio Panepucci

  • Condizioni della Segnaletica: Segnaletica sul versante Settentrionale del Sanfranco scarsa (segbavia gialli) e confusa. Nel cercare la via normale abbiamo notato una certa confusione fra sterrata e sentiero. Nel bosco abbiamo trovato la Madonna della Zecca che si trova incastonata in una paretina di rocce in prossimità dei alcune cavità nella roccia. Difficile notarla. Dal Panepucci fino alla vetta segnaletica rosso-bianca anche troppo abbondanti.
  • Previsioni Meteo della Zona:
  • Mappa del Percorso:
    Visualizza Anello Escursionistico al Monte San Franco in una mappa di dimensioni maggiori
Letto 4791 volte
Giorgio Carrozzini

Consulente Web, Webmaster, nella costruzione di siti web di ogni dimensione ed importanza. Per passione gestore di numerosi siti di montagna. Giorgio ama andare in montagna esplorando el numerose possibilità fuori e dentro di se... questo è il suo Blog!

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.