Premessa: La lunga cresta che va dal dal Pizzo di Camarda al Pizzo Cefalone è forse una delle più affilate e panoramiche creste di tutto il Gruppo Montuoso del Gran Sasso. Pizzo di Camarda è in effetti la prima cima che segna l'inizio di questa affilata e interrotta cresta. Verso meridione il precipizio degrada per oltre mille metri verso Assergi con un effetto davvero vertiginoso. Verso settentrione lo strapiombo si affaccia nella verde e lussureggiante Val Chiarino.

Caratteristiche del tracciato:  Percorso faticoso che non regala panorami particolarmente variegati fino all'arrivo in cresta. Benché ci sia la possibilità di arrivare fino in alta quota per mezzo della sterrata la via di salita che suggeriamo si muove lungo un selvaggio e divertente canalino in cui (durante i mesi estivi) è possibile arrampicarsi su passaggi di primo e di secondo grado muovendosi su roccette e massi abbastanza stabili.

Pubblicato in Gran Sasso