Letteratura di "montagna"... riflessioni

Scritto da
 

C'è qualcosa di magico nei progetti editoriali delle case editrici che si occupano di montagna. Per mesi mi sono ritrovato a stupirmi continuamente ad ogni pubblicazione, ad ogni nuovo libro o rivista immessa sul mercato.

L'aura di meraviglia che circonda la letteratura di montagna aveva qualcosa di inspiegabile finché una mattina fu tutto chiaro...
Quando parliamo di pubblicazioni di montagna, che sia una guida escursionistica, una guida all'arrampicata, che sia il racconto di una salita particolare o la storia della vita da montanaro... ebbene in tutte queste pubblicazioni esiste un denominatore comune: nei libri di montagna si parla sempre di storie vere, di vissuto, di qualcosa di realmente subito sulla propria pelle. Nella letteratura di montagna difficilmente troviamo storie di pura invenzione. Forse nei racconti più lunghi qualche dettagli può essere riferito male o essere descritto con enfasi eccessiva. Il racconto di montagna è però genuino e questo il lettore lo presuppone. Ecco perché il lettore vive lo stupore pagina dopo pagine. Già... perché nella vita di tutti i giorni, le persone comuni, quelli come me, come voi che per la maggior parte non può dedicarsi alla montagna ogni singolo giorno della propria esistenza.
La vita dell'alpinista professionista, la vita del montanaro è una vita straordinaria e speciale ma che allo stesso tempo richiede sacrifici fuori dal normale. L'alpinista, il grande escursionista diventa l'eroe buono da imitare, una specie di cavaliere, l'avventuriero positivo, il conquistatore. Il montanaro come figura reale da imitare non solo nel suo percorso tecnico di progressi atletici e sportivi ma anche lungo la sua strada di sacrifici, di fatiche. L'alpinista, l'escursionista, il montanaro, volenti o nolenti, finiscono per dover affrontare percorso di ricerca interiore che li porta a mettere in discussione se stessi attraverso un confronto con la natura. La montagna, ferma e terribile, tempestosa o arida rappresenta più spesso l'ostacolo insormontabile al quale umilmente l'uomo deve mettersi in rapporto.
Dalla guida escursionistica strettamente tecnica fino al racconto di una salita himalayana nella letteratura di montagna possiamo ritrovare “l'uomo” con tutto il suo bagaglio di problemi esistenziali. Dalle turbolenze dell'emotività giovanile fino alle più profonde e intime riflessioni dell'età matura. Dall'alpinista che diventa padre e sceglie la responsabilità del proprio ruolo fino alla moglie angosciata di un uomo che non si arrende, nella letteratura di montagna possiamo ritrovare di tutto. Per non parlare di quel filone dei testi ancora poco visibili sul mercato in cui si parla dei montanari di una volta, della vita di montagna senza che necessariamente ci sia in gioco il tema dell'alpinismo o dell'escursionismo.
Ecco qual'è la magia della letteratura di montagna, è che per la maggior parte dei casi si finisce per leggere di storie vere, storie che ancora, per il loro valore esemplificativo, possono anche solo in parte cambiare la nostra vita. Leggete letteratura di montagna.

Case editrici che hanno nel loro catalogo testi di montagna:

Librerie che propongono libri di montagna

Bellisari Bookshop
Monti in Città – Libri di Montagna
Ecstore Montagna
Libreria Turistica Stella Alpina

Ultima modifica il Martedì, 08 Gennaio 2013 16:47
Giorgio Carrozzini

Consulente Web, Webmaster, nella costruzione di siti web di ogni dimensione ed importanza. Per passione gestore di numerosi siti di montagna. Giorgio ama andare in montagna esplorando el numerose possibilità fuori e dentro di se... questo è il suo Blog!