Gruppo Escursionistico

Decalogo per un Escursionismo Sostenibile

Scritto da Martedì, 12 Giugno 2012 00:00

In epoca di cambiamenti ambientali (mutamenti climatici, erosione dei territori, spostamento ed inquinamento dei corsi d'acqua, distruzione delle aree boschive,... ), in epoca di stili di vita alienanti, che sottopongono a notevoli livelli di stress, ...

... dove la ricerca dell'apparire ha preso il posto dei valori dell'essere vorremmo convincere i nostri lettori della validità sempre più emergente dell'idea di un "Escursionismo Sostenibile".

Definizione di Escursionismo Sostenibile

"Sostenibile" è un termine in uso negli anni 90 con l'accrescersi delle tematiche ambientali. Per sviluppo sostenibile si intende quel tipo di sviluppo grazie al quale si possa lasciare l'ambiente in eredità alle generazioni future nelle stesse condizioni (o migliori) di come lo avevamo ricevuto noi.
Per estensione sentiamo di pote utilizzare l'aggettivo "sostenibile" anche per l'escursionismo la dove è sostenibile tutto ciò che lascia l'ambiente nelle stesse condizioni in cui lo avevamo trovato. Sostenibile nelle questioni di ambientali come sostenibile nelle questioni riguardanti gli stili di vita.

Quello che si propone qui di seguito è un cambiamento nella modalità di fare escursionismo, un'alternativa al itinerario ordinario dove il turista è non sia più un'entità passiva del "pacchetto di viaggio" ma sia parte attiva del tessuto e della vita dei territori.

Viene naturale enunciare un breve decalogo di principi facilmente condivisibili.

1. - Rispetta le aree parco

Prendi informazioni nelle pro-loco di paese, parla con le guardie dei parchi ti sapranno indicare i posti più suggestivi da visitare. Ma fai questo rispettando la rete dei sentieri e gli eventuali divieti di accesso. Non accendere fuochi a meno che questo non sia possibile nelle apposite aree pic-nic. Non strappare specie vegetali, fiori o arbusti. No è solo vietato: esiste un equilibrio delicato che vuole essere preservato per le generazioni futuri. Non lasciare rifiuti (lattine, bottiglie, cicche di sigaretta) sono brutti a vedersi e ci vogliono decine e decine di anni perché rientrino nell'ecosistema.

2. - Rispetta l'ambiente

Anche quando non sei nei parchi protetti. La natura da proteggere non finisce dove finisce l'area parco. C'è molta natura anche fuori dai parchi naturali anzi è proprio quella la natura che si trova in maggior pericolo.

3. - Soggiorna più a lungo nel territorio che visiti

Quando durante le tue escursioni permani nelle aree che montane che visiti, soggiornando nei paesi, usufruendo dei servizi di un rifugio, dormendo nei bed & breakfast si attiva l'economia del territorio. Premia sempre le attività economiche che privilegiano e proteggono il territorio dove ci sia il segno della manutenzione del territorio. Perché economia a gestione e manutenzione del territorio non possono che andare pari passo. Togli un giorno ai centri commerciali per vedere una sagra o partecipare ad una festa patronale.

4. - Prenditi tempo per visitare il territorio

Visita le chiese, i borghi, le strade dei paesi. Cammina lungo le strade di campagna anche quando non sembrano portare da nessuna parte. Questo non riguarda solo l'idea di riattivare l'economia del territorio. C'è in ballo l'idea di riappropriarsi del proprio tempo, di perderlo anche, scoprendo cose semplici come il banale, eppure essenziale, gesto del camminare. In questo senso, dedicare maggior tempo alla fotografia piuttosto che alla prestazione sportivo-agonistica può essere un modo per rendere un'escursione più "sostenibile".

5. - Pratica gli sport di montagna con prudenza

La montagna può dare infinite possibilità di divertimento, dalle attività sportive sulla neve a quelle escursionistiche sui sentieri estivi. Dalla mountain bike all'alpinismo. Informati sempre prima di partire all'avventura perché in montagna il rischio non sta nella natura, ma nei nostri comportamenti spregiudicati.

6. - Meno tecnologia per un rapporto diretto con l'ambiente

Se vuoi davvero comprendere la forza della natura. Cammina con mezzi scarsi... Ogni tanto evita di usare telefonini cellulari o apparecchi GPS. Fai riferimento alle classiche carte geografiche, fatti aiutare da un accompagnato escursionistico o una guida alpina. Quest'ultimo è il modo migliore per impara a capire dalle loro parole la natura a la storia del nostro territorio. Anche questo inoltre favorirà l'attivazione di cicli economici produttivi.

7. - Diffondi l'idea di Escursionismo Sostenibile

Se ci credi veramente parlane in famiglia, nel tuo ambiente di lavoro, porta l'esempio raccontando le tue esperienze a contatto con la natura. Accompagna un amico che non è mai stato in montagna, se hai dei figli conducili fin da piccoli nella natura a contatto con il bosco o con la montagna. Il tuo esempio sarà molto più efficace di qualsiasi decalogo scritto.

8. - Trasforma l'esperienza escursionistica in un viaggio dentro te stesso

Durante l'avventura esplorativa ascolta i tuoi pensieri, cogli il momento per osservarti nelle tue più intime debolezze, osserva il flusso dei sentimenti, prova a rispondere a quelle domande alle quali nella vita quotidiana non abbiamo il tempo di rispondere. Devi solo camminare prendendoti il tempo di esistere.

9. - Escorsionismo sostenibile nei rapporti con i compagni d'avventura

Metti da parte i tuoi obiettivi di successo. Durante un'escursione non c'è nessun premio da vincere, nessuna meta da raggiungere, bisogna solo imparare ad assaporare il momento presente rispettando i compagni di cordata cogliendo l'occasione di lanciare un ponte d'amicizia e di disinteressato interesse reciproco.

10. - Porta l'escursionismo sostenibile nella vita quotidiana

uando hai camminato, rispettato, stimolato la vita di montagna. Quando hai diffuso l'amore e la passione nella tua vita ed in quella degli altri è ora di riportare tutto quello che hai imparato nei gesti di tutti i giorni.

Abbiamo visto in questo decalogo che l'idea di un escursionismo e un turismo sostenibile non è solo un'idea che riguarda l'impatto nei confronti della natura ma anche verso se stessi, il proprio pensiero, il proprio corpo. Un modo di andare in montagna nel quale l'osservazione della natura, la riflessione su di essa e dentro di essa sia un modo per migliorare la qualità della vita.

Letto 6763 volte Ultima modifica il Mercoledì, 22 Agosto 2018 14:07
Giorgio Carrozzini

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.